Dopo le donazioni alla ricerca e le riconversioni industriali,il settore moda scende in campo per la campagna vaccinale. Negli ultimi giorni stiamo assistendo alla crescita delle adesioni all’iniziativa presa da Confindustria: grandi e medie aziende stanno mettendo a disposizione le proprie risorse per la campagna di vaccinazione Covid-19. Tra i grandi nomi Armani, Gucci e Brunello Cucinelli.

Gucci Hub

Come il Gruppo Armani, anche la Maison Gucci ha dato il via alla campagna vaccinale anti Covid-19. Il gruppo ha messo a disposizione le proprie sedi aziendali per i vaccini anti Covid-19 dei propri dipendenti di fabbriche, uffici e negozi, oltre 6.000 solo in Italia. La decisione è in linea con quella del Gruppo Kering, che ha dato disponibilità dei propri locali e di quelli degli altri marchi e aziende operanti in Italia oltre al brand fiorentino.

Infatti, in una dichiarazione, il presidente della casa di moda italiana Marco Bizzarri ha affermato: «La pandemia ci ha messo di fronte a sfide inaspettate. Sin da subito abbiamo messo le persone al centro e avviato iniziative per tutelare la comunità in cui operiamo: i nostri dipendenti, i fornitori e offerto supporto al personale sanitario e alle comunità più vulnerabili. Con l’accelerare della campagna vaccinale, cresce il nostro impegno per il Paese dove Gucci è nata: l’Italia. Metteremo, con orgoglio, le nostre sedi a disposizione della campagna vaccinale».

Brunello Cucinelli e l’impegno verso i suoi dipendenti

Cucinelli mette a disposizione il Parco della Bellezza di Solomeo, sede della sua impresa in Umbria. Un centro vaccinale temporaneo, realizzato in collaborazione con Regione Umbria, USL Umbria 1 e Fondazione Brunello e Federica Cucinelli. L’iniziativa prevede due linee differenti dedicate alla somministrazione del vaccino anti – Covid che avverrà da parte di ben 16 persone assunte e stipendiate dall’azienda stessa. L’obiettivo di Cucinelli è quello di arrivare alla vaccinazione di 1.200 persone a settimana tra dipendenti e cittadini.

Inoltre, nel suo profilo Instagram si rivolge a tutti i suoi dipendenti con queste parole: «Miei stimati amici, il mio cuore partecipa del vostro coraggio e della pazienza che avete dimostrato con i fatti in questo periodo di dolore e di incertezza, quelli stessi che sono stati anche i miei. Se oggi nella nostra impresa regna positività economica e umanistica, se possiamo immaginare di arricchire l’Italia con la benevola accettazione dei nostri manufatti, se tutto questo può avvenire con genialità e artigianalità speciali, questo si deve certamente a voi […]».

Burberry

Anche Burberry Foundation rientra tra i brand di moda impegnati nella lotta al Covid-19: con una donazione di vaccini anti-Covid all’Unicef, l’ente internazionale di beneficenza e al suo progetto Global COVAX Facility, con l’obiettivo di rendere disponibili due miliardi di dosi di vaccino per 190 Paesi entro la fine del 2021.

Credits: Instagram @burberry

Laura Scarciglia