Buona domenica cari lettori e lettrici,

Siete pronti per la settimana della moda uomo 2018?

L’edizione di Milano Moda Uomo in programma dal 15 al 18 giugno 2018 prevede 28 sfilate, 22 presentazioni, 6 presentazioni su appuntamento e 16 eventi in calendario, per un totale di 56 collezioni. Rispondendo alla continua evoluzione del mercato e delle fashion week, il calendario di Milano Moda Uomo vede per la prima volta, insieme alle collezioni maschili, anche le collezioni donna Spring, tra cui quella di Alberta Ferretti, quella di Aalto, brand finlandese nato nel 2014 dal genio creativo di Tuomas Merikoski per la prima volta sulle passerelle meneghine, e quella di Stella McCartney che dopo 4 anni ritorna a Milano, questa volta nel calendario ufficiale della Fashion Week, per presentare oltre la collezione Donna Spring 2019, anche la collezione uomo SS 2019.

Milano Moda Uomo apre venerdì 15 giugno alle 16:00 con la IV edizione di Milano Moda Graduate, progetto di CNMI dedicato ai giovani studenti delle scuole di moda italiane, che sfileranno nella nuova sala sfilata Area 56, in Via Savona 56. Seguirà alle 18:30 Alberta Ferretti che presenterà con una doppia sfilata-evento la nuova Spring collection e la collezione Alberta Ferretti Limited Edition. Alle 20:30 la prima sfilata uomo in calendario, Ermenegildo Zegna. Debuttano inoltre sulle passerelle di Milano Moda Uomo: Besfxxk, brand fondato a Londra nel 2016 da Jae Hyuk e Bona Kim, e Vìen, progetto creativo del designer italiano Vincenzo Palazzo. Presentano per la prima volta: il brand coreano Spyder, il brand francese IH NOM UH NIT, i brand italiani Doucal’s e Triple RRR, brand fondato da Robert Cavalli.

Inoltre, la seconda capsule di Diesel RED TAG, dopo il sorprendente debutto con Shayne Oliver a Parigi, sarà presentata in anteprima durante Milano Moda Uomo. Anche per quest’edizione alcuni brand hanno scelto Milano Moda Uomo per presentare le proprie collezioni co-ed: Daks, Dsquared2, Frankie Morello, Hunting World, Isabel Benenato, M1992, Marcelo Burlon County of Milan, Neil Barrett, Palm Angels, Sartorial Monk, Sunnei e Vìen. Anche in questa edizione CNMI supporta l’inserimento nel calendario sfilate di brand emergenti: Aalto, Besfxxk, M1992, Sartorial Monk e Vìen. La nuova sala sfilata Area 56 ospiterà, oltre a Milano Moda Graduate, anche le sfilate Aalto, Besfxxk, Isabel Benenato, Represent, Sartorial Monk e l’evento Miguel Vieira.

“Milano Moda Uomo presenta quattro giorni pieni di appuntamenti che per l’economia di Milano sono il simbolo stesso dell’immagine della nostra città. Le case di moda e gli stilisti sono agli ambasciatori nel mondo del nostro stile di vita, della nostra cultura capaci di coniugare ricerca, gusto e innovazione” spiega l’Assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive, Moda e Design Cristina Tajani. “Con Camera Nazionale della Moda Italiana e tutti gli operatori del settore” conclude l’assessore “rinnoviamo il nostro impegno a sostegno della valorizzazione della moda e dei giovani talenti per lo sviluppo di un sistema sempre più attento ai temi dell’etica e della sostenibilità con un puntato alla qualità dei prodotti finali come di tutti i processi produttivi”.

“Il calendario di questa edizione risponde alle sfide che ci pone la dimensione globalizzata e fluida della moda. La presenza delle collezioni donna in calendario è un segnale della centralità di Milano nel panorama delle fashion week, sia come spazio di espressione della creatività che come fulcro del business. I dati del settore, che vedono il 2017 chiudersi con un fatturato di 87.252 milioni di euro, con una crescita del + 3% rispetto all’anno precedente, confermano la vivacità dell’intero sistema. Anche la moda maschile ha registrato una crescita del 2,4%, con un trend positivo delle esportazioni” così commenta Carlo Capasa, Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana.

La Fashion Week milanese potrà essere seguita live sul website milanomodauomo.it, con streaming delle sfilate, video e fotogallery delle collezioni, attraverso l’App di CNMI e sui profili social Twitter, Instagram (@cameramoda), Facebook, con aggiornamenti in tempo reale sugli eventi. Video delle sfilate e contenuti speciali saranno trasmessi anche sul maxischermo in Via Croce Rossa.

Dopo il successo di gennaio e febbraio, CNMI ripropone #MFWREPORTER, iniziativa che permette ai follower di CNMI di poter essere selezionati per partecipare a sfilate, eventi e presentazioni che arricchiscono il calendario di questa edizione. L’iniziativa viene lanciata giovedì 17 maggio, le selezioni resteranno aperte fino al 12 giugno. Per partecipare è sufficiente seguire il profilo Instagram @cameramoda, postare una foto originale che racconti la visione personale che si ha sulla moda utilizzando gli hashtag #MFWREPORTER e #MFW.

Un ringraziamento particolare per aver reso possibile la realizzazione di Milano Moda Uomo di giugno va ai partner di Camera Nazionale della Moda Italiana: Etihad, illy, Mercedes-Benz, S.Pellegrino e UniCredit, al wine partner Consorzio Franciacorta, al media partner Class Editori e al partner istituzionale Comune di Milano. In occasione di Milano Moda Uomo, Camera Nazionale della Moda Italiana è lieta di annunciare la partnership con Salesforce, piattaforma globale leader per la gestione delle relazioni con i clienti (CRM) che ha l’obiettivo di aiutare i brand a entrare in contatto con i consumatori in una modalità nuova e rivoluzionaria.

NASCE CNMI FASHION TRUST

Camera Nazionale della Moda Italiana è lieta di annunciare la nascita di CNMI Fashion Trust, un ente privo di finalità lucrative, finanziato da un gruppo eterogeneo di members, composto da filantropi, imprenditori e investitori che si prefigge di selezionare nuovi talenti del Made in Italy e di aiutarli a trasformare il loro talento in un global brand. Viene offerto ai giovani emergenti, oltre a un sostegno economico accompagnato da formazione e business menthorship altamente personalizzata, anche una grande opportunità di networking. Una piattaforma powered by the CNMI Fashion Trust faciliterà il dialogo tra gli emerging designers e i fashion industry experts, ma anche tra gli artigiani, la filiera produttiva, i retailers, i talenti imprenditoriali, il mondo del Venture e degli Incubators e i media.