L’attesissima Fashion Week è finalmente arrivata. Milano, come ogni anno, riparte dalla moda uomo. Un calendario ricco di appuntamenti digitali che verranno trasmessi in streaming sulla piattaforma  della Camera Nazionale della Moda Italiana. Data l’emergenza sanitaria, le sfilate avranno luogo formato phygital : sia online che in presenza, ma rigorosamente a porte chiuse.

L’obbiettivo dell’evento di quest’anno è quello di donare agli italiani, ma anche al mondo, un segnale positivo. Come sappiamo, negli ultimi mesi l’industria della moda ha subito una fortissima perdita in termini di fatturato; di conseguenza è di fondamentale importanza dare luce a i grandi nomi del Made in Italy.

Oggi il primo appuntamento a Milano tutto al maschile che vede protagonisti diversi marchi del fashion System mondiale e non solo. Due grandi assenze all’interno del panorama italiano: quella di Giorgio Armani e quella di Dolce e Gabbana che ha deciso, a pochi giorni dallo show, di non presentare la propria collezione. Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno espresso tutto il loro dispiacere a riguardo: “Con la situazione contingente legata al Covid”, hanno dichiarato, “sono venute a mancare le condizioni indispensabili per la realizzazione della nostra sfilata.”

Il primo della lista è Ermenegildo Zegna con la sua collezione presentata in digitale. Diversi saranno i brand che presenteranno le collezioni in streaming, eccetto Fendi, Etro e Kway che presenteranno le loro collezioni con un tradizionale fashion show ma senza la presenza del pubblico.

Il calendario di oggi, venerdì 15 gennaio, prevede:

  • 15:00 ERMENEGILDO ZEGNA
  • 16:00 LAGOS SPACE PROGRAMME
  • 17:00 NICK FOUQUET – FEDERICO CURRADI

A seguire, nei prossimi giorni, i nomi e le collezioni dei big del fashion, ma anche dei piccoli brand emergenti, come Dima Leu, vincitore di Who’s next 2020.

Credits: cameramoda.com

Questa fashion week un po’ particolare e diversa dalle altre diventa il simbolo di una forte speranza, del coraggio e della tenacia di un settore che ha subito un grave danno, ma che non si piega e non si arrende, andando avanti con ottimismo.