Sensualità, carattere e sicurezza le parole chiavi che definiscono uno stile.

Sylvio Giardina ha presentato le sue creazioni con Dark Celebration, durante e filate invernali dell’ultima edizione di Altaroma. Un evento a metà tra la sfilata e la performance teatrale. Sono 12 look che costituiscono i primi esemplari della nuova collezione di haute couture per la primavera/estate.

Le modelle durante la sfilata utilizzano alcune movenze apparentemente casuali, per enfatizzare gli abiti e renderli dinamici. Esprimo sensualità, sicurezza e carattere sebbene indossino giacche dai tagli rigorosi. Tute con pantaloni lunghi o corti e mini shorts. Gli abiti e i tubini sono scolpiti nei tagli enfatizzati dal colore nero assoluto.

Sylvio Giardina è nato a Parigi ma ha origini siciliane. Dopo aver completato gli studi presso l’Accademia di Costume e di Moda di Roma inizia a lavorare presso la maison Fernanda Gattinoni dove, accanto alla grande couturier, apprende le fasi della progettazione e della realizzazione della haute couture. È stato uno dei fondatori del marchio Grimaldi Giardina e dopo 12 anni ha intrapreso una nuova avventura con il brand eponimo Sylvio Giardina.

Valori fondanti del suo stile sono la sartorialità, la tradizione, l’innovazione abbinati ad una continua ricerca e alla sperimentazione. Nella collezione presentata ad Altaroma, troviamo: esclusività e portabilità, tagli virtuosi e costruzioni geometriche, texture preziose. Presenti anche dettagli minuziosi che celebrano la silhouette femminile in chiave sartorial-chic, sia nel caso di creazioni di alta moda che nel caso del prêt a porter, dando vita a prodotti demi-couture.