Le tendenze dalle sfilate

Direttamente dalle passerelle della Milano Fashion Week arrivano le nuove tendenze per i tagli di capelli da uomo. I nuovi trend in fatto di capelli sono il risultato dell’attuale lockdown. Infatti, in modo molto spontaneo i tagli netti e dalle rasature definite stanno lasciando spazio alle lunghezze e ai codini sulla nuca. Le chiome si sono allungate: ricci morbidi e naturali, un po’ sauvage , caschetti lisci e spettinati e tagli dall’allure anni ’70.

Credits: pinterest.com

I consigli degli esperti

Maiorano Magazine, per l’occasione, si affida a due giovani esperti nel settore barberia: Marco e Danilo, due ragazzi che hanno fatto della propria passione il loro lavoro.

Marco Miccoli, Parrucchiere da uomo

Profilo IG: https://www.instagram.com/marcomiccoli/?igshid=11an6gu2c5qop&fbclid=IwAR1YJMpe6Uv95tplhFHhvw_v6O8ZBFRuWGKX7lXScYlbB5cBzUWvKwr7iRY

Iniziamo da te Marco, presentati!

Mi chiamo Marco Miccoli, ho 26 anni e vengo da Sava, una piccola realtà nella provincia di Taranto. Da otto anni opero in questo settore: dopo gli studi ho lavorato come parrucchiere da donna, specializzandomi successivamente nell’ambito della barber shop. L’esperienza nel settore donna mi ha ampiamente formato, ma, soprattutto, ha contribuito a farmi apprendere tantissime tecniche che ho applicato in seguito anche nel mio lavoro da parrucchiere da uomo. Credo che questo concetto sia fondamentale: il mio modo di intendere la barberia è abbastanza moderno, tendo quasi a sdoganarla da quelli che sono gli standard del settore.

Dove lavori attualmente?

Dopo varie esperienze lavorative, da circa tre anni lavoro presso un barber shop a Taranto nel quartiere Paolo VI, AC Parrucchieri, dove sto attualmente continuando a formarmi, non solo nel campo dell’estetica, ma anche in quello della cura dei capelli e della barba e delle diagnosi tricologiche.

Parliamo dei trend degli ultimi tempi. Quali saranno le tendenze più seguite della prossima stagione? Quali preferisci?

Per parlare dei nuovi trend in corso, farei un passo indietro, esattamente a marzo 2020 e all’inizio del lockdown che ha fortemente influenzato quello che abbiamo visto nelle passerelle di quest’inverno. Ovviamente, l’impossibilità di raggiungere il proprio parrucchiere ha portato ad un naturale abbandono del classico taglio strutturato in favore di una riscoperta del “selvaggio”. Le lunghezze, i capelli ricci portati in modo disordinato hanno preso il posto delle nette rasature. Le nuove generazioni, me compreso, si stanno affezionando al capello mosso, anche grazie ai numerosi profili social che vediamo su Instagram ogni giorno. Di conseguenza, chi è “geneticamente fortunato” riesce a portare i propri capelli in modo naturale; i ragazzi con i capelli tendenti al liscio invece, stanno richiedendo il trattamento della permanente.

Per quanto riguarda la barba, invece, è molto evidente che si sia accorciata rispetto agli scorsi anni. E’ certamente una conseguenza alla crescita dei capelli: la lunghezza della barba si sta accorciando per fare posto alle nuove chiome. Le passerelle hanno mostrato volti privi di barba, ma è una realtà ancora in via di sviluppo! Tanti ragazzi sono molto affezionati alla barba e non sono ancora pronti a radersi del tutto.

Quali sono le richieste più comuni da parte dei tuoi clienti?

La parola chiave è Instagram: quasi tutti i miei clienti mi chiedono look che hanno visto nelle foto degli influencer, attori e cantanti. Ovviamente tutto dipende dalla personalità di ognuno! I più estrosi, affezionati al lungo si ispirano molto ai look anni Settanta, soprattutto ai look dei Måneskin, con questi capelli lunghi e le barbe completamente assenti!

Cosa consigli a chi vorrebbe far crescere i capelli?

Per esperienza personale mi sento di dire che è importantissimo avere tanta pazienza, focalizzarsi sull’obiettivo senza scoraggiarsi perché, inizialmente, potrebbe risultare molto difficile, soprattutto per chi è alle prime armi. È importante non pensare di definire molto la forma, ma cercare di lasciare i capelli in modo più naturale.

Danilo Mancino, Barbiere Internazionale e Brand Ambassador

Profilo IG: https://www.instagram.com/danilomancino_/?igshid=1wtsggyg2q84s&fbclid=IwAR3DrfP30Bl3Ys9Krer3M58xB3DOvJxXcdKrcedevRsvFpwQOpMpX_db-2g

Chi sei? Presentati.

Sono Danilo Mancino, ho 27 anni e vivo a Milano. Attualmente ricopro il ruolo di Barbiere Internazionale e Brand Ambassador per il brand Acqua di Parma. Generalmente lavoro nella boutique situata in Via Gesù, nel quadrilatero della moda milanese. Sono nato e cresciuto in Puglia dove, all’età di 10 anni tra le pareti della Barberia di mio zio, con il ruolo di “ragazzo di bottega”, ho imparato uno dei lavori più belli del mondo. 

Quali studi e esperienze hai intrapreso per raggiungere il tuo obiettivo?

Conseguito il diploma, mi sono iscritto ad un’accademia del settore. Nell’agosto del 2015 mi sono trasferito a Milano e, dopo varie esperienze lavorative, nel 2018 sono entrato a far parte del luxury brand Adp. Ho la fortuna di viaggiare tanto grazie al mio ruolo che consiste nella formazione e induction dei miei colleghi Adp all’estero, oltre che all’esportazione del savoir-faire italiano, anima del brand. 

 Anche a te chiedo: quali saranno i trend più seguiti della prossima stagione? E quale preferisci?

Da sempre, ironicamente,  mi definisco il “peggior cliente che un barbiere possa avere”. Sempre stato un po’ controtendenza, fuori dalle righe. Mi caratterizza uno stile un po’ sauvage (capello lungo, spettinato, un look che potrebbe quasi sembrare “poco attento”). Ma questo non significa che non io ami curare il mio aspetto: al contrario, mi definisco un cultore della bellezza ma, non prediligo uno stile “appena uscito dal barbiere”. 

Le nuove tendenze per questa primavera estate richiedono proprio questo: un uomo curato ma che opta per un velo di barba sul viso (3/4 mm massimo) ed un capello medio lungo un po’ ribelle, meglio ancora se tenuto morbido, valorizzando così la texture naturale

Quanto è importante la cura del capello e della pelle? Cosa consigli a riguardo?

Personalmente non rinuncio mai ai miei rituali skincare quotidiani: comincio ogni giornata con un detergente viso ed una crema idratante rinvigorente. 

Per la cura della barba consiglio sempre di detergerla con prodotti specifici e di idratarla nel modo corretto per far sì che risulti sempre morbida e piacevole al tatto. 
Per quanto riguarda i capelli consiglio di utilizzare degli shampoo delicati con una bassa presenza di tensioattivi che non aggrediscono il film idrolipidico della cute.

Quali sono gli accorgimenti base per curare al meglio i capelli lunghi?

A chi , come me, predilige un capello medio lungo consiglio sempre di evitare i cosiddetti stress meccanici: frizione dell’asciugamano dopo la doccia, phon a temperatura troppo alta o spazzolate aggressive.

 Arriva l’estate. Il sole, si sa, danneggia i capelli; qual è il metodo migliore per proteggerli?

Con l’arrivo dell’estate, i capelli, come la pelle, sono esposti maggiormente a fenomeni atmosferici come il sole, il vento e l’acqua marina che sicuramente contribuiscono a sensibilizzarli. Consiglio sempre di applicare fluidi e sieri protettivi su pelle e capelli. Con i giusti prodotti non rinuncerete ad un’abbronzatura dorata ed un capello naturalmente schiarito dal sole in stile surfista californiano!

Ultima domanda: qual è secondo te il look che non andrà mai fuori moda?

Credo che nello styling come nell’abbigliamento c’è un solo modo per non essere mai fuori moda: scegliere i grandi classici! Un taglio morbido, pieno, lavorato con forbici e pettine non sarà mai fuori moda. Un po’ come un blazer a due bottoni, INTRAMONTABILE!

Intervista a cura di Laura Scarciglia